L’accordo Stato/Regioni e Provincie Autonome del 22 febbraio 2012 ha individuato, fra l’altro, l’elenco delle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori. In questo elenco, come noto, compaiono gli escavatori idraulici. Nella relativa descrizione della macchina si legge: “… progettata principalmente per scavare con una cucchiaia o una benna rimanendo ferma …”.

Chi opera sa che molto spesso a questa tipologia di macchine vengono accoppiati accessori e svolte funzioni diverse, quali ad esempio sollevamento e trasporto di oggetti mediante un gancio, movimentazione di oggetti con pinze o polipi a gravità. In questi casi la macchina si configura ancora quale escavatore idraulico? Per il suo utilizzo è sufficiente l’abilitazione all’utilizzo di escavatori idraulici di cui all’accordo Stato/Regioni e Provincie Autonome del 22 febbraio 2012?

Diverse fonti, chiariscono inequivocabilmente il primo quesito. L’escavatore idraulico equipaggiato con il gancio di sollevamento, ovvero con una pinza o un polipo a gravità e relativi sistemi di sicurezza accessori si configura quale apparecchio di sollevamento e ne segue il relativo iter di messa in servizio e verifica periodica.

Circa il secondo quesito, la normativa in vigore non aiuta. L’accordo Stato/Regioni e Provincie Autonome del 22 febbraio 2012 infatti individua tre tipologie di apparecchi di sollevamento per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori:

  • gru a torre;
  • gru per autocarro;
  • gru mobile.

Nessuna di queste tre tipologie ricomprende l’escavatore idraulico munito di dispositivi di sollevamento e movimentazione di oggetti.

Fra le varie interpretazioni possibili, diversi enti di controllo si sono orientati verso quella più cautelativa per il datore di lavoro e l’operatore: per utilizzare un escavatore idraulico munito di dispositivi di sollevamento e movimentazione di oggetti, cioè un escavatore configurato quale apparecchi di sollevamento, sono necessarie sia l’abilitazione all’utilizzo di escavatori idraulici sia l’abilitazione all’utilizzo di gru mobili.

Questa interpretazione, sicuramente a tutela dell’operatore e del datore di lavoro, non può che avere valore provvisorio per il tempo necessario ad una revisione dell’accordo che individui questa specifica configurazione di utilizzo dell’escavatore idraulico e definisca la relativa abilitazione.